fire_protection_2000x350

Protezione antincendio preventiva negli impianti degli edifici

In particolare nel campo dell'impiantistica, le correnti di guasto di impianti di edifici, impianti tecnici o macchine sono la causa più frequente di incendi.

 

Qual è il motivo?

Un isolamento insufficiente, causato da danni meccanici delle linee di collegamento dei dispositivi o un isolamento indebolito di apparecchi e lampade a causa di continuo riscaldamento, causano difetti di isolamento, che sono tra le cause più frequenti di incendio. Ma anche una resistenza di isolamento troppo bassa, causata da umidità e sporcizia, costituisce un aumento del rischio di incendio. Le conseguenze dei difetti di isolamento sono gravi, non costituendo solamente un aumento del rischio di incendio, che si traduce in un notevole pericolo per le persone, l'ambiente e le proprietà. Dai difetti di isolamento possono infatti derivare anche costosi fermi degli impianti, perdite di dati e malfunzionamenti delle apparecchiature informatiche e di comunicazione, nonché manutenzioni straordinarie non pianificate e costose.

 

Come intervenire?

La protezione antincendio preventiva costituisce un argomento centrale per la sicurezza aziendale, perché le interruzioni operative e i danni materiali causati da incendi possono mettere a repentaglio l'esistenza di un'azienda. E nessuna azienda può permetterselo. Pertanto, tutti i responsabili della sicurezza elettrica devono fissare elevati requisiti in materia di protezione antincendio preventiva.

Al fine di contrastare efficacemente il pericolo di incendi dell'impianto elettrico è necessario pertanto il monitoraggio costante delle correnti differenziali di tutti i dispositivi e (parti) dell’impianto rilevanti. Oltre ai dispositivi di protezione esistenti, devono essere installati anche dispositivi o sistemi di monitoraggio delle correnti residue.

Nella DIN VDE 0100-530 (VDE 0100-530):2018-06 "Realizzazione di impianti a bassa tensione - Parte 530: Selezione e installazione di apparecchiature elettriche - dispositivi di commutazione e di controllo” si afferma

1. Nella sezione "532 Dispositivi per la protezione antincendio": "Se in determinate applicazioni per motivi tecnici, ad esempio perché la corrente di esercizio del circuito elettrico da proteggere è superiore alla corrente nominale massima di un dispositivo di protezione da correnti di guasto (RCD), non è possibile utilizzare un dispositivo di protezione da correnti guasto (RCD) in base al 531.3.4.1, si raccomanda di applicare una delle seguenti misure: .. Utilizzo di monitor di corrente differenziale (RCM) in base alla norma DIN EN 62020 (VDE 0663) insieme a interruttori di potenza, se la tensione di alimentazione di questi è indipendente dal sistema di alimentazione".
2. Nella sezione "532.3 Monitor di corrente differenziale (RCM) per la protezione contro i rischi di incendio nei sistemi IT": "Nei sistemi IT, i monitor di corrente differenziale (RCM) possono essere utilizzati in alternativa ai dispositivi di protezione da corrente di guasto (RCD), a condizione che l'area sia monitorata da personale elettrotecnico adeguatamente formato o da elettricisti qualificati. I monitor di corrente differenziale (RCM) devono essere conformi ai requisiti della norma DIN EN 62020 (VDE 0663) ed essere usati in combinazione con un sezionatore idoneo. I monitor di corrente differenziale (RCM) devono essere installati all'inizio del circuito elettrico finale. La corrente differenziale di risposta non deve superare i 300 mA.
 3. Il capitolo "532.4 Dispositivi di controllo dell'isolamento (IMD) per la protezione contro i rischi di incendio nei sistemi IT" raccomanda l'uso di dispositivi di controllo dell'isolamento in base alla norma DIN EN 61557-8 e l'uso di sistemi di rilevazione dei guasti dell'isolamento in base alla norma DIN EN 61557-9. La norma DIN VDE 0100-482 prescrive l’uso di RCM con corrente differenziale di risposta di 300mA nelle aree di esercizio a rischio di incendio.

Il monitoraggio costante della corrente differenziale con tecnologia RCM di Bender significa:

  • Riconoscimento di potenziali pericoli di incendio al momento dell’insorgenza di correnti di guasto elevate
  • Sicurezza preventiva per la protezione di persone e macchine
  • Elevata sicurezza operativa e disponibilità di impianti tecnici e mezzi di comunicazione
  • Segnalazione immediata del degrado dei dispositivi di isolamento, in sostituzione dell’esecuzione di test a campione
  • Prevenzione di costosi tempi di inattività e fermi dell’impianto
  • Nessun intervento di manutenzione straordinaria non pianificato o costoso
  • Significativa riduzione dei costi di manutenzione e di esercizio

Quali sono i benefici?

La protezione antincendio preventiva mediante monitoraggio costante della corrente differenziale o monitoraggio dei dispositivi di isolamento significa non solo sicurezza preventiva per la protezione delle persone e delle macchine dai pericoli derivanti dalla corrente elettrica, ma anche un’elevata sicurezza di funzionamento e disponibilità degli impianti tecnici grazie all'immediata localizzazione ed eliminazione dei difetti di isolamento. Ciò consente di ridurre notevolmente i costi di manutenzione e di esercizio. Anche i rischi di arresto per l’attivazione imprevista dei dispositivi di protezione presenti sono ridotti al minimo.

Il monitoraggio costante della corrente differenziale nelle installazioni elettriche di impianti e dispositivi consente di evidenziare e di segnalare immediatamente deterioramenti dell’isolamento. Anziché verificare il valore di isolamento mediante prove a campione a intervalli lunghi, questo monitoraggio costante conserva un'elevata resistenza di isolamento del sistema, prescritta dal regolamento DGUV 3 e dall'ordinanza sulla sicurezza e la salute sul lavoro (BetrSichV)

Inoltre, è soddisfatto anche un importante presupposto per il lavoro di spegnimento dei vigili del fuoco in loco.

Quando l’uso di RCD non è possibile per motivi tecnici, sono soddisfatti comunque i requisiti normativi e la conformità alla direttiva sulla bassa tensione. In caso di danni, si è al sicuro dal punto di vista giuridico.

Si rispettano o si superano le previsioni previste nelle direttive delle assicurazioni dei beni materiali per la prevenzione dei danni, con possibilità di ridurre i premi assicurativi.

 

I vantaggi a colpo d’occhio

  • Sicurezza preventiva per la protezione delle persone e delle macchine, in quanto i potenziali rischi di incendio a causa di correnti di guasto elevate vengono riconosciuti non appena insorgono.
  • Significativa riduzione dei costi di manutenzione e di esercizio, non essendo necessaria alcuna manutenzione straordinaria non pianificata o costosa.
  • Elevata sicurezza operativa e disponibilità degli impianti tecnici e dei mezzi di comunicazione, in quanto si evitano costosi tempi di inattività e fermi dell’impianto.
  • Segnalazione immediata del degrado dell’isolamento con monitoraggio costante anziché esecuzione di prove a campione a intervalli lunghi.
  • L'elevata resistenza di isolamento dell’impianto ai sensi della norma DGUV 3 e dell'ordinanza sulla sicurezza e la salute sul lavoro è soddisfatta.
  • Possibile riduzione dei premi assicurativi, in quanto le previsioni previste nelle direttive delle assicurazioni dei beni materiali per la prevenzione dei danni sono soddisfatte o addirittura superate.

Scaricamento

TipoNomeDimensioneLinguaTimestampD-/B-Numero

Prodotti

qhy4raey

Haben Sie Fragen?

Kontaktieren Sie uns! Unsere Mitarbeiter helfen Ihnen gerne weiter.

ZUM KONTAKTFORMULAR